Nutrizionista – Dott.ssa Espedita Muscariello

Nutrizionista – Dott.ssa Espedita Muscariello

NUTRIZIONISTA

Dott.ssa Espedita Muscariello

Nata a Napoli il 09/07/1984
mobile 348.49.53.629
e-mail edy.muscariello@gmail.com

Studi e Formazione

2002 – Diploma di Maturità Scientifica sperimentale bilingue conseguito presso Liceo Scientifico”Salvatore Di Giacomo” San Sebastiano al Vesuvio con votazione finale
di 100/100.

2006 -Laurea triennale in Scienze Biotecnologiche per la salute, curriculum medico conseguita presso Università degli studi di Napoli “Federico II” con una tesi su”Utilizzo della tecnica di PCR per effettuare l’analisi del gene codificante per l’adiponectina” conseguita con votazione finale di 102/110.

2008 – Laurea specialistica in Biotecnologiche mediche conseguita presso Università degli studi di Napoli “Federico II” con una tesi su “Considerazioni su nuovi fattori
influenzanti la predizione dell’REE mediante formule” conseguita con votazione finale di 110/110 e lode.

2012 – Iscrizione alla società italiana di Nutrizione umana (SINU).

2014 – Iscrizione alla società italiana di Fisiologia (SIF).

2015 – Dottore di ricerca in “scienza dell’alimentazione e della nutrizione” – Attività di ricerca presso la sezione di Fisiologia del Dipartimento di medicina clinica e chirurgia, Università degli studi di Napoli “Federico II”.

2017 – Specialista in “scienza dell’alimentazione” – Biologa Nutrizionista presso L’U.O.C di Dietoterapia nell’adulto e nell’anziano; D.A.I. MEDICINA CLINICA, Università degli studi di Napoli “Federico II”.

Ulteriori Informazioni – Iscrizione all’ordine nazionale dei Biologi – Albo Professionale sez. A num. iscrizione 062178.

Pubblicazioni

1. Boschi V. – Cervone A. – Festa G. – Passione N. – Pirone S. – Milito L. – Maresca I. – Muscariello E. – Di Matteo M.L. – Bellini O.
Disturbi del comportamento alimentare: “stato della mente nell’adolescenza”.Valutazione della personalità con il PDQ4+
Progress in Nutrition Vol. 11, N.2, 91-99, 2009.
2. E. Muscariello – G.Nasti – R.Battinelli – T.Novellino – M.Montisano – A.Colantuoni
HYPOLIPIDIC DIET AND PHYIOSUBSTANCE SUPPLEMENT IN HYPERCHOLESTEROLEMIA – MINERVA GASTROENTEROL DIETOL. 2014 JUN; 60 (2): 119-25.
3. E. Muscariello – G.Nasti – M.Siervo – M.Dimaro – D.Lapi – G.D’Addio – A.Colantuoni
“DIETARY PROTEIN INTAKE IN SARCOPEDIC OBESE OLDER WOMEN” CLINICAL INTERVENTION IN AGAIN. 2015; (ACCEPTING)

COS’È LA SCIENZA DELLA NUTRIZIONE?

La nutrizione è il processo attraverso il quale ogni organismo acquisisce gli elementi necessari al proprio sviluppo e mantenimento, e che permette di reintegrare le perdite materiali ed energetiche conseguenti alle attività funzionali. La scienza della nutrizione studia sia l’essenzialità ed i bisogni di nutrienti nelle varie condizioni di età e di vita, sia gli equilibri ed i rapporti con la salute, soprattutto in funzione preventiva. L’apporto dei nutrienti è fondamentale per lo svolgimento delle funzioni vitali e quindi per permettere al corpo di mantenersi in salute, a tale scopo la nutrizione studia la “dieta” in quanto mezzo per assumere tutti i nutrienti necessari, oltre che per mantenere un’ottimale digestione. Inoltre, la nutrizione studia il rapporto tra alcuni principi nutritivi e lo svilupparsi o la prevenzione di alcune malattie non direttamente (o solamente) causate da carenze o eccessi di nutrienti, ma comunque significativamente influenzate da fattori nutrizionali.

DIAGNOSTICA E TERAPIE

Si eseguono consulenze nutrizionali per il trattamento del sottopeso, del sovrappeso e dell’obesità in bambini, adulti ed anziani. La visita specialistica prevede:

– Un’accurata valutazione delle condizioni fisiologiche e di quelle patologiche accertate del paziente
– Una minuziosa anamnesi alimentare, pregressa ed attuale, per meglio comprendere le abitudini dell’individuo
– Un’attenta valutazione dello stato nutrizionale attraverso la visione di parametri bioumorali ed antropometrici (peso, altezza, circonferenze vita, fianchi e polso)
– Una specifica analisi della composizione corporea con l’impiego dell’esame bioimpedenziometrico che permette di misurare la quantità di massa grassa, massa magra, acqua corporea e metabolismo basale del soggetto

Segue la determinazione dei fabbisogni nutrizionali del paziente con formulazione, elaborazione ed attuazione del programma nutrizionale individualizzato.
Si elaborano diete personalizzate:
• In condizioni fisiologiche (infanzia, pubertà, anzianità, gravidanza e allattamento, menopausa, sport)
• In condizioni patologiche sensibili al trattamento nutrizionale (diabete, dislipidemie, ipertensione,  patologie gastrointestinali, allergie ed intolleranze alimentari)
• Per soggetti vegetariani

A controlli regolari verrà valutata la compliance del paziente al programma dietoterapico attraverso un’anamnesi alimentare attuale ed una valutazione dei risultati ottenuti; in tali incontri potranno eventualmente essere apportate variazioni al programma dietoterapico.
Al raggiungimento degli obiettivi (realistici) prefissati verrà fornito uno schema dietetico di mantenimento

Le consulenze nutrizionali sono rivolte anche a coloro che non hanno problemi di peso ma vogliono seguire un piano alimentare sano e bilanciato

N.B. Non si praticano test delle intolleranze, in quanto non hanno una base scientifica attendibile, e non si utilizzano farmaci dimagranti, pericolosi per la salute.

ESAME BIOIMPEDENZIOMETRICO
La metodica

La misurazione della impedenza corporea (Body Impedence Assessmento B.I.A.) è una delle tecniche attualmente più usate ed affidabili per la determinazione della composizione corporea.
Si basa sul dato fisico che l’acqua è un buon conduttore di corrente elettrica, mentre il grasso è un isolante quasi perfetto.
Poichè la Massa Magra Corporea (Fat Free Mass – FFM) è costituita prevalentemente da acqua, determinando il contenuto di acqua dell’organismo, è possibile risalire facilmente al contenuto in FFM, e quindi al contenuto di Massa Grassa (FAT).

Quando è utile
Nel corso di qualunque terapia dietetica, è fondamentale per il biologo nutrizionista tenere sotto controllo la composizione corporea del paziente.
Ogni dieta, infatti, comporta un deficit calorico ed una alterazione del metabolismo a cui l’organismo fa fronte utilizzando (e quindi “bruciando”) il tessuto adiposo.
Tuttavia può capitare che in alcune condizioni, venga catabolizzata anche la massa muscolare (massa magra), ed il biologo nutrizionista deve essere pronto ad arrestare tale processo, modificando la dieta assegnata.
Vi sono inoltre diverse condizioni in cui il ricambio idrico risulta alterato (la gravidanza, la ritenzione idrica, la disidratazione, la insufficienza renale, l’uso di diuretici nella terapia dell’ipertensione arteriosa, le disfunzioni surrenaliche, gli iperaldosteronismi e gli ipoaldosteronismi, le condizioni di denutrizione, etc.).
In tali situazioni, la perdita di peso o la mancata perdita di peso, non riflettono necessariamente le variazioni di massa grassa: è possibile infatti che un paziente che non ha perso peso, abbia in realtà perso 1 o 2 Kg di massa grassa, ed abbia aumentato di 1 o 2 Kg l’acqua corporea.
O viceversa, una perdita di 5 Kg di peso, si può rivelare come perdita esclusiva di liquidi, e non di massa grassa (un falso dimagrimento).
Questo esame è indispensabile per calibrare bene una dieta: non conta solo il BMI, ma anche quanta % di massa grassa e magra vi compone.
Una dieta adeguata fa perdere solo massa grassa, non massa magra!